RIF. LA FASCIA - M. GENZANA 16 marzo 2014 | Stampa |
Scritto da Luisa   

 

Pettorano sul Gizio, nel cui territorio ricade interamente la Riserva Naturale Monte Genzana Alto Gizio istituita con Legge Regionale n. 116 del 28 novembre 1996, sorge a 667 m s.l.m. su di un crestone roccioso tra il fiume Gizio ed il torrente Riaccio. La Riserva naturale è un corridoio ecologico tra il PNALM e il Parco della Maiella; al suo interno troviamo gli ambienti fluviali del fiume Gizio e del torrente Riaccio, i boschi misti di roverelle e carpini del piano collinare, le faggete, spesso accompagnate da tassi ed aceri, del piano montano, gli arbusteti prostrati del piano subalpino e le praterie culminali del piano alpino. Inoltre presenta una grande diversità biologica, offrendo un panorama quasi completo della fauna appenninica.
Quindi c’è da augurarsi oggi di vedere animali selvatici.
Dalla parte alta del paese ci avviamo per il sentiero che, superato il Belvedere Escher, sale sulla sinistra orografica del Colle la Guardiola.
Sul sentiero grandi fioriture di Anemone epatica...

 


... e un interessante escremento! Sarà di lupo?


 

A quota 1043 m si incontra un bivio; c’è una traccia che scende verso Valle Frevana che, più o meno a quest’altezza, diventa il Vallone S. Margherita. Inoltre, vicino ad alcune rocce, un punto panoramico.

 

In basso Pettorano sul Gizio.

 

Lontano si scorge Passo S. Leonardo.


 

Da qui si vede il Vallone S. Margherita quasi per intero con il monte Genzana a chiusura.

 

Si prosegue a lungo a tornanti nel bosco, un incontro con un branco di grossi cinghiali,  fino a raggiungere, sui 1400 m, radure pianeggianti su cui troviamo la neve.

 

Si spazia con lo sguardo: Monte Rotella e la sella da cui inizia il Piano delle Cinque miglia.

 

La Maiella, sulla destra, e il Morrone.

 

Dopo un altro tratto in salita nel bosco, sbuchiamo sui prati antistanti la vetta in vista del Rifugio La Fascia.

 

In breve siamo al rifugio a 1662 m. E’ provvisto di importanti recinti in pietra e cemento e di una fontana. Nella parte antistante una bella tettoia in legno; l’interno è fornito di camino, panche, tavolo e un piccolo ambiente nel retro con delle brandine.

 








La targa del rifugio riporta un’altezza s.l.m. diversa da quella riportata sulla cartina!!!

 

Una breve sosta per un panino e si torna subito indietro. C’è vento freddo e il sole è coperto da nuvole di passaggio. Al ritorno una bella vista di Pettorano sul Gizio dal Belvedere Escher. 

 

In questo disegno a graffio realizzato in un unico esemplare, intitolato dall'artista olandese "Italian Southern Village" (1928), Escher ritrae la parte del paese che affaccia verso il Gizio, escludendo i monumenti che avrebbero reso più facile l'identificazione del paese, vale a dire il Castello Cantelmo e il Palazzo Ducale. Nel disegno l'artista si sofferma a ritrarre il gioco di case, una sopra l'altra, che in parte ascendono verso il crinale del paese, in parte digradano fino al fiume Gizio. Lo sfondo del paesaggio, con il Morrone (reso più aguzzo) da un lato, e la catena del Gran Sasso e chiudere l'orizzonte, deve essergli rimasto impresso nella mente, se trent'anni dopo lo riutilizzerà (rovesciato) nella famosa opera "Belvedere".

 

Se vuoi venire in montagna con noi vai sul sito www.abruzzoparks.it 

 

 

 

 

Commenti 

 
#1 Lupaclà 2014-05-07 08:59
Bello il rifugio!! Mi vengono già in mente tanti progetti!
 
 
#2 madrelupa 2014-05-07 13:45
Il rifugio è ben messo, ma non ci sono molte cuccette. In compenso la tettoia permette di sostare al coperto con uno stupendo panorama davanti.
 
 
#3 imma 2014-05-07 14:35
con un simile panorama dormirei anche a terra!!!! Bellissimo il contrasto tra le foto: la primavera che ormai sfoggia i suoi colori e l'inverno che sonnecchia ancora......
 
 
#4 PAOLO 2014-05-07 19:29
La montagna è sempre bella....in ogni parte della nostra terra..Madre Lupa è unica;parla con le foto..I paesini sono stupendi e malinconici.ciao Luisa.
 
 
#5 lupa melina 2014-05-08 20:02
Sì, anche io pensavo a un bel sacco a pelo in una notte stellata...Aggiudicato! E che bei colpi d'occhio sulle "nostre" cime.
Quasi quasi preparo subito lo zaino... Rifugio La Fascia sto arrivando...
Grazie Madre Lupa per questi preziosissimi input.
 
 
#6 lupa melina 2014-05-08 20:07
Nella foto che riprende il rifugio dall'alto, nel bosco in fondo si vede chiaramente una traccia che lo attraversa in diagonale. Dove porta? E la fontana, è alimentata ed utilizzabile anche d'estate?
Lupaclà, che ne dici di una bella Notte di S. Lorenzo?
 

Se vuoi lasciare un commento devi prima registrarti. Ci vorrà poco.